All for Joomla All for Webmasters

“Ecco perché ho scelto di stare #sempreinsiemeavoi”: Mario Conio scioglie le riserve sulla sua candidatura a sindaco di Taggia

 

A pochi mesi dalle elezioni amministrative nel comune di Taggia, Mario Conio scioglie le riserve sulla sua candidatura a sindaco. Ecco la linea della sua campagna elettorale.

“Sempre insieme a voi: soltanto con la partecipazione attiva di tutta la cittadinanza si può ambire ad una città e società migliore. La necessità che ciascuno di noi si impegni in prima persona, questa è stata la molla che ha fatto scattare in me la volontà di candidarmi sindaco di Taggia. Ho piena coscienza dell’enorme sfida che mi aspetta e ad oggi mi è ancor più chiaro che tale sfida, per essere vinta deve essere accettata da tutti voi insieme a me. Non esiste né un sindaco né una giunta che da soli possano risolvere i problemi della nostra comunità. E’ mia convinzione che il primo cittadino debba essere un cittadino tra i cittadini sempre pronto all’ascolto per comprendere le problematiche della sua comunità prima di arrivare ad una soluzione. La casa comunale per il Sindaco deve essere innanzitutto la città, le sue strade, i suoi vicoli, le sue piazze, soltanto così si potranno avvicinare i cittadini alle istituzioni e si potrà arrivare a comprendere i problemi quotidiani della comunità. Coinvolgendo tutte le espressioni del nostro territorio nelle scelte amministrative, possiamo ambire a far avvicinare tutti i cittadini alla classe dirigente. Spesso mi piace ripetere agli amici che tra parlare e ascoltare preferisco di gran lunga ascoltare. Mi piace ascoltare le persone, mi piace ascoltare i miei concittadini attivi ad esempio nelle associazioni e nei gruppi di volontariato. La mia campagna elettorale sarà improntata proprio su questo. Per tale ragione in questi mesi ho attivato vari canali di ascolto e mi sono speso insieme ad amici per incontrare quante più persone possibile. Ciascuno con la sua visione soggettiva ha contribuito a fornirmene una generale della nostra città, dei suoi problemi e delle sue risorse. Poter ascoltare tante persone ha fatto maturare in me una grande consapevolezza: il nostro è un grande paese, con un enorme potenziale a livello territoriale e umano. Tutti insieme dobbiamo contribuire a valorizzarlo".